ITP e Vaccino Covid-19: Webinar con il Dott. Ruggeri

Sabato 16 gennaio 2021 alle ore 14:30, Aipit organizza un webinar con il Dott. Marco Ruggeri, perché i fatti vanno oltre le paure.

Negli ultimi anni il tema della vaccinazione come strumento di prevenzione della diffusione delle malattie ha suscitato molte polemiche tra tutta la popolazione. Internet e social media hanno velocizzato il passaggio delle informazioni, sia quelle verificate, sia quelle del tutto inesatte scaldando ulteriormente i toni di un tema già molto caldo. 

Dalla sua fondazione, Aipit si è posta l’obbiettivo di mettere a disposizione delle persone affette di ITP delle informazioni scientificamente fondate. Le informazioni scientificamente fondate, la conoscenza della propria malattia e relative terapie sono un arma preziosa contro l’ansia e la preoccupazione che accompagnano la convivenza con una patologia cronica.

L’attuale situazione di pandemia ci ha portato delle sfide nuove ed inaspettate, alle quali non eravamo minimamente pronti. La pandemia ha toccato tutti gli aspetti della nostra vita e governi di tutto il mondo cercano di trovare un punto di equilibrio tra diverse esigenze dei propri cittadini. Si devono valutare rischi e benefici, vantaggi e svantaggi e scegliere in base a queste valutazioni. Come quasi sempre nella vita, anche in questo caso non esiste una scelta a rischio e svantaggio zero. 

L’arrivo del vaccino contro il Covid-19 ha portato ulteriore confusione nelle nostre menti già strapiene di dubbi e domande, dividendoci prevalentemente in una delle seguenti categorie: chi non vede l’ora di farlo, chi è indeciso e chi lo rifiuta.

A prescindere da che categoria apparteniamo, come persone affette da ITP sicuramente ci facciamo qualche domanda del tipo: Corro qualche rischio maggiore? Cosa potrà succedermi? Non è che dopo il vaccino le mie piastrine crollano?

Per quanto scomoda, la verità è che la risposta a tutte queste domande non c’è. Non ce la può dare nessuno perché, per quanto possa suonare banale, ogni essere umano è diverso! Il nostro corpo è così meravigliosamente complesso che non si può prevedere la reazione di ogni singolo essere umano ad una determinata sostanza che entra nel nostro corpo. Per quanto sia dura da accettare la certezza assoluta non c’è. 

Quello che c’è però è la scienza che, in questo caso, non ci può dare la certezza, ma ci può dare delle indicazioni su quale scelta ha maggiori probabilità di portarci dei benefici a minor rischio.

La medicina occidentale, quella che tutti noi conosciamo, è la medicina basata sull’evidenza. “La medicina basata sulle evidenze (EBM) è il processo sistematico di revisione, valutazione e utilizzo dei risultati della ricerca clinica per contribuire a somministrare cure cliniche ottimali ai pazienti.” (Eupati)

Wikipedia riporta un esempio che spiega l’applicazione pratica della medicina basata sull’evidenza. “Uno degli studiosi più influenti e determinanti nello sviluppo della Medicina basata su prove di efficacia fu Józef Dietl. Dietl testò l’efficacia del salasso nella terapia contro la polmonite mettendo a confronto tre gruppi di pazienti: un primo gruppo venne curato con il salasso, un secondo gruppo venne curato con farmaci emetici, che inducevano il vomito, e un terzo gruppo di controllo non ricevette nessuna cura. I risultati dimostrarono che sia i pazienti curati con il salasso sia quelli curati con il vomito indotto morivano in proporzione maggiore al gruppo di pazienti che non vennero curati affatto. Grazie a questo studio, la pratica del salasso fu progressivamente abbandonata dopo migliaia di anni di utilizzo.”

Un farmaco od un trattamento, prima di arrivare ad essere utilizzato su larga scala, passa un processo molto complesso di studi ed approvazioni da parte di diversi enti ed istituzioni indipendenti tra di loro. Ogni farmaco (inclusi i vaccini) disponibile in Italia è stato approvato sia dalla Agenzia Europea dei Medicinali (EMA) che dall’Agenzia Italiana del Farmaco. 

In questo momento, dove abbiamo più domande che risposte, riteniamo doveroso ricordare che tutto quello che ci offre la medicina è frutto di anni di duro lavoro di persone molto preparate. 

Per aiutarci a cercare le nostre risposte, sabato 16 gennaio 2021 alle ore 14:30 abbiamo organizzato un webinar con il Dott. Marco Ruggeri, Presidente del nostro Comitato Scientifico, che ci presenterà tutte le informazioni disponibili relative ai vaccini anticovid e ITP.

Dettagli Webinar

  • Compila il modulo di iscrizione cliccando sul pulsante qui sotto.
  • Il termine delle iscrizioni è venerdì 15 gennaio, ore 20.
  • Il webinar si svolgerà su piattaforma Microsoft Teams
  • Non servono account speciali, basta il browser, anche dello smartphone
  • Il link di partecipazione sarà inviato sabato mattina alla mail di registrazione

Articoli Recenti